Giù le mani dalle scuole dei nostri bambini

Ladri disgraziati entrano in una scuola pubblica per l’infanzia.

Cassano d’Adda, 01 Marzo 2018 – Abbiamo deciso di trattare questo articolo che informa del meschino tentativo di intrusione da parte di ignoti in una scuola pubblica per l’infanzia avvenuto durante una notte del mese di Marzo non solo per citare un fatto di cronaca o per mettere in luce la gestione pronta di Lis e della sua Centrale Operativa ma per disprezzare l’azione di questi malviventi che, nonostante il loro status di criminali, non si sono trattenuti nemmeno davanti ad un luogo dove i nostri (e probabilmente anche i loro) figli imparano a crescere in questo mondo complicato e non sempre accogliente.

Lis annovera tra i suoi clienti anche diversi Comuni e per questo anche diverse scuole pubbliche: quest’ultime vengono ovviamente protette perché contengono attrezzature e strumenti di valore acquistati con il denaro pubblico. Il concetto di sicurezza viene applicato a questi edifici come con tutti gli altri individuando gli effettivi elementi che determinano il rischio ed i punti vulnerabili da proteggere contro eventuali intrusioni.

Malgrado siamo professionisti e lavoriamo da quasi 40 anni nel panorama della sicurezza rimaniamo sempre sorpresi nel vedere messe in pratica tali azioni che non sono fatte solo ai danni del patrimonio pubblico (che già per questo motivo deprecabili) ma addirittura contro quello che di più caro abbiamo al mondo: i nostri figli.

Speriamo quindi che chi decida di intraprendere azioni che creino danni a queste strutture si ravveda immediatamente perché non c’è stato di bisogno, crisi, disperazione, avidità o meschina cupidigia che possa giustificare un torto ai nostri bambini.

E.Arighi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *